IlMastroDelCalcio

Qual’è lo schema di gioco che ti diverte di più?

Louis Van Gaal, l'Erede del moderno calcio Totale olandese. (di ING Nederland Licenza CC)

Louis Van Gaal, l’Erede del moderno calcio Totale olandese.
(di ING Nederland Licenza CC)

 

Ecco quello del Mastro…

 

Lo schema che io preferisco è… ovviamente lo sapete.

 

Per chi ha già letto questo articolo saprà che lo schema da me preferito è il 4-4-2 di stampo capelliano.

 

Ma qui non voglio parlarti dello schema che “preferisco”, ma di quello che più mi ha divertito vedere quando ero un ragazzino.

 

A proposito, qual’è lo schema che TU preferisci, che ti diverte maggiormente?

 

Io ti parlo dell’Ajax.

 

Era il 1994-95 e nell’Ajax c’era un tecnico abbastanza giovane.

 

Tale Louis Van Gaal.

 

Quello è stato l’anno in cui quella squadra vinse la Coppa dei Campioni contro il Milan in finale (1-0 gol di Kluivert).

 

L’Ajax ha avuto dal 1991 al 1997 (e poi nel 2003-04) Van Gaal come allenatore, ma quell’anno (94-95) aveva tecnicamente la miglior squadra della sua gestione.

 

Ed ovviamente ha vinto anche la Coppa. :-)

 

Nel 1995-96 l’Ajax arrivò in finale, ma la perse con un’altra italiana. La Juventus.

 

Un calcio totale personalizzato

 

Ma arriviamo al punto, perchè quella squadra mi divertiva così tanto?

 

Tu conosci quell’Ajax, la ricordi?

 

Era una squadra che si rifaceva per certi versi al tipico calcio totale olandese creato da Rinus Michel (di cui parlerò in un altro articolo), ma con alcune modifiche.

 

Rispetto al tipico 4-3-3 del modulo olandese tipico, Van Gaal fa salire il libero al livello dei centrocampisti (e lo traforma in mediano). Ruolo che in quell’anno (94-95) era svolto da Frank Rijkaard.

 

In questa maniera il 4-3-3 si trasformava in un 3-4-3 (con i 2 terzini che svolgevano il ruolo di marcatori).

 

Era uno schema che impiegava la marcatura ad uomo.

 

Inoltre Van Gaal cercava di coniugare la mobilità del calcio totale con la presenza di ruoli ben definiti, seppur molto mobili. Questa presenza di ruoli definiti permetteva di evitare un notevole dispendio di energia.

 

Il gioco era caratterizzato da una costante corsa sulle fasce, rapidi cambi di gioco e da contropiedi molto veloci.

 

Un’altra caratteristica dell’Ajax di Van Gaal era la mazza punta (fantasista) che permetteva al centrocampo di schierarsi a rombo.

 

Trasformando lo schema in un vero e proprio 3-3-1-3.

 

Decollare sulle ALI dell’entusiasmo.

 

Ma qual’era la caratteristica che più mi entusiasmava di quella squadra?

 

Era il gioco fornito dalle fasce, George Finidi e Marc Overmans.

 

Il gioco di Van Gaal infatti puntava nel lanciare le proprie ali e nel creare una rapida superiorità numerica basata sulla loro velocità ed abilità tecnica nel dribbling.

 

Non so voi, ma io impazzisco per il gioco fornito sulle fasce da vere e proprie ali.

 

Tu ricordi quella squadra?

 

Non so te, ma io ho sempre ammirato e mi son divertito dal gioco fornito da quella squadra.

 

Soprattutto restavo incantato davanti alle qualità tecniche di Marc Overmans (abbinate ad una velocità straordinaria). Marc è sicuramente l’ala migliore che io abbia mai visto giocare :-)

 

Ora come da prassi chiedo a te di raccontarmi qual’è la squadra e lo schema che ti ha più divertito da quando segui il calcio.

 

Sono davvero molto curioso di saperlo.

 

Con questo ti saluto e ti auguro una buona continuazione di giornata.

 

Ciao caro Calciofilo 😉

 

P.S. Ricorda, aspetto ansioso qui sotto i tuoi commenti.

 

 

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo sui social...i tuoi amici ti ringrazieranno :-)

3 Commenti per “Qual’è lo schema di gioco che ti diverte di più?”

  1. Emiliano Scrive:
    dicembre 17th, 2013 alle 00:17

    …ciao Mastro…complimenti x il blog…anch’io mi diverto con le squadre ke giocano sulle fasce…il Milan di Sacchi (Colombo ed Evani sulle ali), il Parma di Scala (Benarrivo e Di Chiara davvero forti anche se non erano delle ali)…mi divertiva l’Ajax da te descritto davvero grande squadra…ma tra le più divertenti il Manchester UTD Giggs e Kanchelkis a martellare sulle fasce prima dell’era glamour di Beckham!!

  2. Il Mastro del Calcio Scrive:
    dicembre 18th, 2013 alle 17:15

    Grazie a te Emiliano.
    Si in effetti hai ragione. Hai citato alcune delle fasi offensive più belle che si son viste nel calcio (in Italia e non).
    In particolare Tu citi Benarrivo e Di Chiara che erano vere terzini-ali in quel Parma. Come l’attuale Lichtsteiner della Juventus o Maicon della Roma.
    Poi lì c’erano Crippa e Asprilla che all’occorrenza andavano sul fondo per crossare.
    Parlando di Sacchi e Milan non si può poi non citare Donadoni.
    Ma l’ala che maggiormente mi ha entusiasmato è stata sempre Overmans.

    Ciao Emiliano, grazie ancora. Continua a seguirci e soprattutto partecipare alle discussioni con commenti.

    Viva il calcio 😉

  3. La strategia VINCENTE del Mago di Amsterdam: fuori Cillesen dentro Krul (al 120mo minuto) | Il Mastro del Calcio Scrive:
    luglio 7th, 2014 alle 16:12

    […] Grazie a te Emiliano. Si in effetti hai ragione. Hai citato…Il Mastro del Calcio […]

Commenta